San Petronio Catalano è Nostro!

 

In Veneto abbiamo fatto l'indipendenza!

Sulle aste sventolano solo gonfaloni dal Garda all'Adriatico. Nelle scuole si insegna in lingua Veneta. Il Doge è stato ripristinato come carica temporale di rappresentanza istituzionale. L'economia va bene e per tutti gli stati europei siamo una serena democrazia moderna.

Tuttavia, la regione di San Petronio Catalano ci da dei problemi. Parlano ancora per la maggior parte in italiano, insegnandolo pure ai nuovi venuti. Continuano a esporre la loro bandiera tricolore. Alcune tradizioni diverse dalle nostre durano a morire, anzi, rinvigoriscono.

Leggi tutto...

Da Guernika a Venezia

Terminate ormai le festività per il 25 aprile, giorno di San Marco e della Liberazione dal nazifascismo, quest'anno non prive di fermenti e spunti che pongono i presupposti per l'inizio di un nuovo indipendentismo veneto, più ricco, forte e trasversale, vorremmo spendere del tempo per ricordare un altro anniversario, al quale non siamo riusciti a dare il giusto spazio, svoltosi ieri, il 26 aprile, che interessa noi tutti, indipendentisti e non. 
 
In Euskal Herria (Paesi Baschi) il 26 aprile 1937, ottant'anni fa, si compie un massacro.
 
Parliamo di un'azione di guerra la cui sistematica esecuzione, innovativa per il tempo, diverrà prassi nella storia immediatamente successiva (la Seconda Guerra Mondiale), fino ai giorni nostri, tanto da essere tutt'ora tristemente contemporanea: parliamo infatti del bombardamento di Gernika. E' il primo bombardamento su popolazione civile, il primo bombardamento terroristico.
Questo massacro è importante da ricordare non solo per la sua contemporaneità (pensiamo agli orrori di Aleppo), ma anche perché l'Italia fu direttamente coinvolta. L'Italia si sporcò le mani con la polvere degli edifici distrutti e il sangue dei civili ammazzati: l'incursione aerea fu infatti compiuta dalla "Legione Condor" tedesca e dall'"Aviazione Legionaria" italiana, entrambe in appoggio degli sforzi bellici nazionalisti franchisti. Uno dei tanti episodi che sfata il nazionalistico e assurdo adagio "italiani brava gente". Subito dopo il bombardamento e la reconquista i moros di Franco usarono la città come accampamento, obbligando la popolazione civile a ripulire la città in segno di umiliazione, negando e smentendo ogni tipo di responsabilità del governo. 
 
Nello stesso anno, Pablo Picasso realizzò "Guernica", una delle sue opere più importanti e celebri: nata con l’intento di rappresentare, alla sua maniera, la guerra civile spagnola, allora in pieno svolgimento. 
Col tempo l’imponente quadro è diventato un simbolo universale contro la brutalità della guerra e un manifesto dell'opposizione alla violenza.
Quest'anno la festa nazionale del popolo basco, l'Aberri Eguna (il giorno della patria) è stata festeggiata proprio a Gernika, in ricordo dell'anniversario di questo terribile evento e Sanca, invitata da Gazte Abertzaleak, ha partecipato con una delegazione alle celebrazioni.
 
Il sottoscritto ha partecipato ai festeggiamenti a Gernika, e ci tiene a porre una veloce riflessione in parallelo alla nostra festa di San Marco, patrono dei veneti, specialmente riguardo a chi ha criticato la presenza dei ragazzi e delle ragazze dei centri sociali del nordest. A tutti quegli indipendentisti che si sono sentiti osteggiati o addirittura minacciati nel vedere facce nuove in piazza tengo a sottolineare la pluralità e varietà dei gruppi baschi che partecipavano all'Aberri Eguna, dai più moderati ai più progressisti, e tra questi non mancavano ovviamente i collettivi anti-fascisti.
 
Questa varietà di idee si incanalava pacificamente nel comune obbiettivo di autogoverno e autodeterminazione dei popoli. Varietà che si vedeva, per altro, dalle stesse bandiere portate in alla festa: dalla Ikurriña più classica (quella disegnata da Sabino Arana) a bandiere in sostegno dei rifugiati (ongi etorri errefuxiatuak, "benvenuti rifugiati"); dalle varie bandiere del regno Navarra (dallo Scudo all'Arano beltza) alle semplici bandiere dell'evento stesso.
 
Ed è proprio a partire dal ricordo di quel terribile bombardamento che Sanca vuole ricordare come l'opposizione a qualsiasi forma di nazionalismo e di fascismo sia l'unica strada possibile verso l'autodeterminazione dei popoli e la libertà.
 
Leggi tutto...

Il Circo di Quinta Colonna a Valdagno

Ieri sera ho dovuto assistere a un tragicomico spettacolo su Rete 4. Valdagno, la città dell’Alto Vicentino dove vivo e nella quale sono cresciuto è stata protagonista di una diretta televisiva dove al centro dell’attenzione è stato posto il terribile pericolo dell’accoglienza di 9 profughi. Valdagno per la cronaca è un comune con più di 26mila abitanti.
 
La trasmissione non poteva che essere Quinta Colonna, la morte del giornalismo d’inchiesta dove l’obiettivo palese non è diffondere informazione attraverso il dibattito, ma creare indignazione grazie a uno spettacolo di propaganda e regalando visibilità a personaggi che senza questi imbarazzanti teatrini sarebbero ininfluenti nella vita politica delle comunità.
 
Chi se non Alex Cioni poteva essere il maestro che tirava le fila di questa puntata. Se qualcuno non lo conoscesse stiamo parlando di un personaggio da sempre è in prima fila nella militanza politica dell’estrema destra nazionalista italiana, fedele ad Alessandra Mussolini e all’area di estrema destra vicina a Berlusconi. Quasi sicuramente questo è il motivo principale per cui un politico così insignificante a livello nazionale (e locale) riesce a farsi regalare così tante presenze sulle reti Mediaset e puntualmente senza alcun tipo di contradditorio credibile.
 
La situazione che da subito mi ha fatto sorridere, se non piangere, è la scelta della location: un noto bar collocato in una zona periferica della città frequentato quasi esclusivamente da qualche nostalgico di estrema destra, in quanto il titolare non si vergogna di auto dichiararsi fascista. Se visitaste il locale in una giornata qualsiasi verrete accolti da uno sfarzosissimo tricolore, dal calendario di Mussolini, targhette e varia oggettistica molto probabilmente proveniente da qualche gita a Predappio.
Questo locale è spesso frequentato dal capogruppo dei due consiglieri di minoranza della Lega Nord: Marco Randon, per questo mi viene da pensare che sia stato scelto come luogo adatto per metter su un teatrino di propaganda populista, circondati da amici e sostenitori.
 
Iniziata la trasmissione mi ha particolarmente stupito la vista di numerosi gonfaloni di San Marco. Eppure durante una sera invernale proprio in quel bar mi sono trovato a discutere di indipendenza con il consigliere Randon, ma il titolare era intervenuto in modo solenne “in questo bar non si discute di indipendentismo” e indicando il tricolore “questo se non l’hai capito è un bar fascista” (ndr. per la cronaca fu la seconda e ultima volta che ci misi piede). Evidentemente I gonfaloni sono utili come addobbi fashion per un locale grigio e sentendosi in minoranza i nazionalisti hanno pensato bene di star in silenzio e accogliere festosamente I creduloni che hanno portato le bandiere Venete in un bar fascista.
 
La parte tragica della trasmissione non è stata la mancanza di argomenti e le imbarazzanti dichiarazione del capogruppo locale di Forza Italia, secondo cui il pericolo sarebbero i mendicanti al mercato di Valdagno (vorrei capire tra l’altro quanto il fenomeno sia legato ai profughi visto che personalmente io li vedo dagli anni 90, quando il nonno mi accompagnava al mercato il venerdì mattina), ma il fatto che i consiglieri leghisti che solo pochi mesi fa erano gli unici politici valdagnesi schierati a favore della chiusura di alcuni reparti dell’ospedale di Valdagno (che copre un bacino di 60mila abitanti) adesso ci vengono a dire che il pericolo deriverebbe dalla presenza di qualche profugo.
 
Noi di Sanca Veneta ci dissociamo dal delirio di chi utilizza le bandiere del popolo Veneto per fare populismo e per alimentare meccanismi di discriminazione verso le persone che fuggono da guerra e povertà, facendosi peraltro manipolare da personaggi di estrema destra storicamente fedeli al centralismo romano e nostalgici di uno dei momenti più drammatici per il popolo veneto. Indipendenza per noi non è solo la libertà di gestire le risorse, ma anche la possibilità di far uscire il nostro territorio dalla periferia alla quale è stato relegato, per farlo tornare al centro dell’Europa e del dialogo internazionale. Vorremmo anche che la nostra terra, in un tempo in cui il mondo sta cadendo in mano alla paura e all'odio (un tempo dominato dall'Isis, Trump, Putin), potesse tornare ad essere un porto sicuro - fedele all'eredità della storia repubblicana veneta - dove si può continuare a pensare, costruire, arricchire l'umanità. 
 
Ma indipendenza per noi è anche lo strumento per far ritornare città come Valdagno e la vicina Recoaro, che troppo spesso vivono all’ombra degli interessi e delle scelte dei grandi centri della pianura, protagoniste nella vita politica, industriale e culturale. Sanca Veneta rimarrà sempre un punto di riferimento per tutti i cittadini che sono stufi della retorica di una politica che ha causato e sta causando solamente danni per il tessuto sociale. Noi stiamo lavorando per un Veneto accogliente che sappia sostenere tutti i cittadini che necessitano di lavoro, sanità e un educazione di eccellenza senza adottare come criterio di esclusione la classe sociale, la "razza" o la provenienza delle persone.
 
Leggi tutto...

Libro e moschetto, assessore perfetto

L'articolo che segue lo avevamo scritto a qualche giorno dal fatto di cui si discute. Poi, tra la calura dell'estate e i molti impegni, si è perso all'interno dei meandri del nostro blog. Lo pubblichiamo oggi per chi si fosse perso l'episodio e perché comunque l'assessore in questione è ancora al suo posto, buona lettura! 

Segnaliamo ai nostri lettori le ultime fiere dichiarazioni dell'attuale assessore all'Istruzione, Formazione, Lavoro e (ironie della vita) Pari Opportunità del Veneto.

A questo comodo link potete trovare il resoconto con cui questa importante esponente del Governo regionale riporta quanto accaduto a lei ed al consorte.

Dopo aver subito il furto delle proprie biciclette, i due bypassano direttamente la polizia mettendosi alla ricerca dei propri mezzi. Con un po' di fortuna li individuano e riescono a rientrarne in possesso mettendo in fuga i disonesti che le avevano sottratte.
Fin qui una storia normale, sfortunatamente la sfiducia nelle forze dell'ordine nel risolvere questo tipo di reato è talmente radicata che raramente chi subisce il furto della bici fa denuncia, preferendo per l'appunto la ricerca autogestita. (Vi invitiamo a fare il contrario e a legare bene la vostra bici!)

Ciò che è veramente disgustosa è la lettura sociale e morale che ci regala l'assessore Donazzan.
Pare che per il nostro assessore la colpa più grave del criminale che le ha sottratto un oggetto personale non sia quella di essere un ladro di m. ma quella di essere un "magrebino di m......".
Il che, a rigor di logica, ci dice che secondo la suddetta lo fosse anche prima, a prescindere dal furto subito, che passa in secondo piano.
Ma non è finita qui: l'ottima Donazzan non manca infatti di sottolineare quanto avvenuto quanto sia parte della "guerra tra stranieri ladri,malviventi e noi italiani". Una guerra in cui chi combatte dalla sua parte è un "Patriota Camerata".

Tutti gli stranieri sono ladri e malviventi, tutti gli italiani sono brava gente.
E comunque i magrebini sono feccia, così sulla fiducia. Viva l'Italia!

L'intero intervento è talmente indecente e inqualificabile che viene spontaneo chiedersi quali siano le particolari doti di spessore e professionalità per le quali questa persona venga ritenuta idonea a guidare l'assessorato all'Istruzione ed alle Pari Opportunità, specie in un territorio come il Veneto in cui più del 20% della popolazione è nato altrove.
Per non parlare poi dell'orgoglioso italico fascismo, esibito col vanto che va oggi tanto di moda.
Cosa ne pensano del peso politico di questa camerata italiana dura e pura le migliaia di veneti che hanno sostenuto il governo Zaia con l'intento di sostenere il processo indipendentista o autonomista che all'Italia vuol dire addio?

Chiedere le dimissioni di un politico è ormai cosa che si sente ogni giorno ad ogni ora.
Chiediamo perciò qualcosa di diverso: uno scatto di orgoglio politico e civico del governatore Zaia.
Chiediamo che ci dimostri che la stima politica e pubblica tributatagli dall'elettorato veneto è ben riposta e che per lui la decenza politica e pubblica sono valori che vengono prima di un accordo elettorale.

Nel mentre, i nostri sinceri compimenti per le doti investigative dell'assessore e consorte: qualora si dovesse ritrovare disoccupata ha davanti a sé una brillante carriera di risolvi misteri.

Michele Brauenstein

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS